giovedì 21 Ottobre 2021

Un incendio di 4.000 anni fa. In “diretta” dagli scavi archeologici del Lucone (lago di Garda)- VIDEO REPORTAGE

In Evidenza

Lo scavo archeologico del sito palafitticolo dell’ex lago del Lucone (patrimonio Unesco) a Polpenazze del Garda (Brescia), è ripreso nel 2007, dopo le indagini tra gli anni Sessanta e Ottanta del XX secolo. È tra i più importanti siti dell’età del Bronzo, in particolare dell’età del Bronzo antico (la dendrocronologia lo situa agli inizi del II millennio a.C. per il “Lucone D”, il cantiere attualmente aperto) nel contesto dei siti palafitticoli conservati, grazie all’ambiente ancora umido, in quello che viene geologicamente definito un bacino inframorenico, a sua volta nell’anfiteatro morenico del lago di Garda.

QUI IL VIDEO-REPORTAGE SULLA CAMPAGNA DI SCAVO 2021:

L’ANTICO LAGO DEL LUCONE E LE PALAFITTE DEL “SITO D” (2034-1967 A.C.)

Il Lucone era un piccolo lago a forma di “8” poi bonificato a partire dall’epoca rinascimentale. Venne riscoperto negli anni ’60 da Isa Marchiori, insegnante a Polpenazze. Da qui partirono cinque campagne di scavo da parte del Gruppo Grotte Gavardo tra il 1965 e il 1971. L’ultimo scavo prima degli attuali fu eseguito del 1986.

Attorno al Lucone sono stati individuati vari abitati, occupati tra il 2200 – 1300 a.C. circa. La zona D, oggetto delle indagini in corso, presenta invece due fasi insediative cronologicamente risalenti a un momento iniziale dell’Antica età del Bronzo, in una situazione stratigrafica molto complessa, che ha riconosciuto però che le palafitte a bordo del lago, in questo caso, ebbero circa 70 anni di vita (2034-1967 a.C.), prima che fossero distrutte da un incendio. Come sempre in archeologia, si tratta di una situazione che “sigilla” il sito, anche grazie all’azione conservativa dell’ambiente umido e torboso.

UN SITO ARCHEOLOGICO “SIGILLATO” 4.000 ANNI FA DA FUOCO E ACQUA

Il sito archeologico del Lucone è particolarmente significativo perchè l’incendio ha permesso agli archeologi di recuperare vari elementi utili a capire la pianta dell’insediamento, al di sopra della palificazione tra riva e acqua delle palafitte vere e proprie. Travi e assi, addirittura una porta (forse la più antica d’Italia) con tanto di alloggiamento per i paletti di chiusura, oggetti di uso quotidiano, dalle gerle alla tipologie di ceramiche, con depositi molto ricchi. Il vero tesoro tra i ritrovamenti archeologici è però rappresentato dal legno e altri reperti organici, specialmente per una serie di utensili piuttosto varia: punteruoli, manici, falcetti, oggetti forse simbolici. Oltre ai resti dei prodotti conservati nel vasellame al momento dell’incendio: utilissime per l’archeobotanica le spighe dei cereali che alimentavano gli abitanti del villaggio e le ossa degli animali studiati dagli archeozoologi per ottenere un quadro delle attività di allevamento e, in generale, delle strategie di sopravvivenza dell’insediamento.

palafitte al Lucone
L’area dell’antico lago Lucone e il sito archeologico palafitticolo UNESCO (Angelo Cimarosti)

UN COMPORTAMENTO VIRTUOSO VERSO IL PUBBLICO

Durante la campagna di scavo il sito è sempre visitabile, grazie alla filosofia dei ricercatori, che hanno come virtuoso obiettivo quello di legare l’archeologia al territorio, con particolare attenzione ai giovani e ai bambini. Un esempio nei confronti di chi, come filosofia, “nasconde” il più possibile la ricerca archeologica, relegandola a pubblicazioni spesso tardive e slegate dal contesto territoriale su cui insiste. Che, tra l’altro, è una bellissima campagna che valorizza enormemente la visita al sito stesso.

Lo scavo al Lucone è gestito dal Museo Archeologico della Valle Sabbia (qui il link) in concessione ministeriale da parte del Ministero della Cultura dal 2007 ed è stato sostenuto finanziariamente negli anni dai Comuni di Polpenazze del Garda e di Gavardo, dalla Fondazione “Piero Simoni” – Museo Archeologico della Valle Sabbia – Gavardo e da Regione Lombardia.
Lo scavo si avvale di numerosi archeologi professionisti e della collaborazione di enti di ricerca e laboratori italiani.

Palafitte di Fiavé: il sito archeologico e il nuovo parco Archeo Natura, come visitarlo – VIDEO

REFERENZE BIBLIOGRAFICHE:

Baioni M., Bocchio G., Mangani C. 2007, Il Lucone di Polpenazze: storia delle ricerche e nuove prospettive, in Atti del XVI Convegno Archeologico Benacense, Cavriana, 2005, pp. 83-102.

Baioni M. 2017, Il Lucone di Polpenazze del Garda. Una palafitta dell’età del Bronzo dell’area gardesana, in Micheli R. (a cura di), Il Palù di Livenza e le palafitte del sito UNESCO: nuovi studi e ricerche, Pagine dell’Ecomuseo, 17, pp. 47-50.

Baioni M., Leonardi G., Fozzati L., Martinelli N. 2018, Le palafitte: definizione e caratteristiche di un fenomeno complesso attraverso alcuni casi di studio, in Baioni M., Mangani C., Ruggiero M. G. (a cura di), Le Palafitte: Ricerca, Conservazione, Valorizzazione. Collana “Palafitte /Palafittes /Pfahlbauten/ Pile dwellings, SAP Società Archeologica, Quingentole, pp. 27-42.

Baioni M., Martinelli N., Pignatelli O., Voltolini D. 2018, L’utilizzo delle specie arboree nella palafitta del Lucone D (Brescia), in Baioni M., Mangani C., Ruggiero M. G. (a cura di), Le Palafitte: Ricerca, Conservazione, Valorizzazione. Collana “Palafitte /Palafittes /Pfahlbauten/ Pile dwellings, SAP Società Archeologica, Quingentole, pp. 209-210.

Baioni M., Mangani C. 2018, Desenzano del Garda (BS), Gavardo (BS), Polpenazze del Garda (BS): i progetti di valorizzazione delle palafitte del Garda bresciano, in Baioni M., Mangani C., Ruggiero M. G. (a cura di), Le Palafitte: Ricerca, Conservazione, Valorizzazione. Collana “Palafitte /Palafittes /Pfahlbauten/ Pile dwellings, SAP Società Archeologica, Quingentole, pp. 265-266.

Baioni M., Canci A. 2019, Il bambino del Lucone di Polpenazze (BS). Un culto dei crani in una palafitta dell’antica età del Bronzo?, in Lambrugo C. (a cura di), Una favola breve. Archeologia e antropologia per la storia dell’infanzia, All’Insegna del Giglio, pp. 203-210.

Baioni M., Mangani C., Gleba M. 2020, Spinning and weaving in a pile dwelling of four thousand years ago: data from the excavations at Lucone di Polpenazze del Garda (Brescia), in Redefining Ancient Textile Handcraft Structures, Tools and Production Processes, Proceedings of the VIIth International Symposium on Textiles and Dyes in the Ancient Mediterranean World (Granada, Spain 2-4 October 2019, Granada, 187-200.

Baioni M., Bona F., Mangani C., Martinelli N., Nicosia C., Perego R., Quirino T., Saletta E. cds, Daily life in a north Italian Early Bronze Age pile dwelling: Lucone di Polpenazze del Garda (Italy – Brescia), in Proceedings of XVIII World UISPP Congress, Paris, 4-9 June 2018, Session XXXII-1, Lieux de vie et espaces domestiques : organisations fonctionnelles et stratégies sociales / Use of space and domestic areas: functional organisation and social strategies, Archaeopress, UISPP Proceedings Series.

Baioni et alii cds b: Baioni M., Mangani C., Martinelli N. 2021, The site of Lucone di Polpenazze and the chronology of Early Bronze Age pile dwellings in the Lake Garda area (Italy – Lombardy/Veneto), in Colloque international anniversaire de l’APRAB “Bronze 2019, 20 ans de recherches”, Bayeux (FR), 19-22 juin 2019.

Marco Baioni, Elisa Zentilini, Daniele Mittica cds, Dalla ricerca alla divulgazione, dalla didattica alla comunicazione: il caso studio dello scavo palafitticolo del Lucone di Polpenazze in SPRING ARCHAEOLOGY, SIENA 2020, Atti del Convegno – 15|16|17 Maggio 2020, pp. 139-150.

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

News