mercoledì 22 Settembre 2021

Le trincee dimenticate sul Garda: conflict archaeology e archeologia pubblica alleate per salvarle

In Evidenza

Era il fronte immobile, ma non per questo “inattivo”, quello dell’alto Garda. Le trincee di Dosso Merlo furono costruite dagli italiani in una posizione dominante nella parte settentrionale del lago, nel territorio del comune di Malcesine (Verona). Facevano parte delle linee arretrate di difesa pronte in caso di sfondamento dell’esercito imperiale, lungo uno dei tradizionali assi di penetrazione nella Penisola. Con “linee arretrate” non si intende nè “lontane dal fronte” nè al sicuro da pericoli, essendo in questo caso Dosso Merlo un caposaldo soggetto e oggetto di tiri d’artiglieria pesante, per tutta la durata del conflitto, tra il 1915 e il 1918.
La grande postazione difensiva poi, come altre tra il lago (a Navene) e il monte Altissimo, è stata man mano inglobata dalla vegetazione, boschi di fatto scarsamente manutenuti a causa dell’abbandono della silvicolura, soprattutto su questo versante verso il Garda, con ben altre vocazioni economiche.

GUARDA IL VIDEOREPORTAGE

In realtà durante la seconda guerra mondiale la storia militare, era tornata a segnare il territorio, negli stessi luoghi, fino alla “battaglia delle gallerie” del 28-29 aprile 1945, un durissimo scontro tra americani e tedeschi, a guerra ormai finita, il cui contesto – durante l’inseguimento – vide la morte del colonnello William Darby (una leggenda, fondatore dei Rangers) assieme a decine di altri soldati. Gli sconfitti in fuga difendevano con rabbia la via della ritirata, e la Gardesana orientale ritornò al centro di un conflitto. Anche da questo punto di vista c’è molto da studiare, sul terreno. Certo è che alcune delle strutture vennero riutilizzate, altre furono costruite, e che la linea difensiva tedesca rappresentò un problema per l’avanzata veloce degli americani.

Cartine militari e fatica sul campo

Il progetto di survey, salvataggio e valorizzazione di queste strutture e di queste tracce è in corso, e viene portato avanti dal 2013 con tenacia dal comune di Malcesine (in particolare Emiliano Colombo) e con il lavoro sul campo del geoarcheologo Nicola Cappellozza, che segue le fasi di studio e di azioni sul territorio
È un lavoro di conflict archaeology, ma anche di archeologia pubblica (notevole il coinvolgimento nel progetto dell’Associazione Alpini locale e, in definitiva, un notevole campo di applicazione delle tecniche di archeologia dei paesaggi.

Grande Guerra in Veneto, Malcesine e Garda
L’assetto e la definizione operativa delle difese costiere e degli impianti logistici in carico alla Regia Marina in un documento
cartografico in scala 1:100.000 del luglio 1918 (AUSMM). L’elaborato è stato sovrapposto ad un estratto di una
carta militare dell’epoca riportata in medesima scala (Carta Giraldi). Da Cappellozza

Il fronte italiano tra alto Garda e Vallagarina (linee italiane in rosso)

Estremamente importante il lavoro d’archivio, con le cartine che, in mano al tenente generale Guglielmo Pecori Giraldi, comandante della Prima Armata, indicavano con precisione le postazioni di artiglieria, le linee difensive, gli osservatori, almeno fino alla fine del 1917. In questo modo il lavoro sul campo si è potuto svolgere con grande rigore, censendo, catalogando, fotografando e dove possibile, scavando con metodo archeologico. Le trincee, scomparse sotto una vegetazione di scarso pregio naturalistico e forestale, sono state prima mappate, poi liberate dagli arbusti, rivelando le connessioni tra i vari caposaldi, osservatori, riservette, trinceroni. Una delle cinque linee difensive italiane, in caso di sfondamento austriaco, è stata così riportata in parte alla luce, ed è in corso di valorizzazione e di consolidamento, pronta per essere visitata in un contesto paesaggistico e panoramico ineguagliabile.

Artiglieria Grande Guerra sul fronte italiano
Cannone navale da 305/46 della Regia Marina a Punta Campagnola, Malcesine

La Marina sul Garda e nelle trincee

La storia della difesa di ques’area dell’alto Garda vede anche, come in altri punti del fronte, il coinvolgimento della marina. Sia con la flottiglia del Garda, con mezzi navali militari o militarizzati per l’occasione, sia con i propri militari inquadrati spesso in modo misto con l’esercito. Da ultimo, la gigantesca artiglieria navale venne smontata dalle corazzate e spostata anche sul fronte per fare fuoco contro le posizioni distanti del nemico. Per sparare con il gigantesco 305 a Malcesine era necessario ottenere l’autorizzazione al comando per ogni colpo, dato l’immenso costo di ogni proiettile.

Italiani schierati alle pendici del Baldo
Soldati italiani controluce sul Monte Baldo, prima guerra mondiale

L’impegno di un piccolo Comune e di un team di studiosi e di volontari potrebbe essere l’esempio virtuoso a cui ispirarsi in altre zone del fronte tra Trentino e Veneto, in un’opera di tutela e in un rigoroso studio archeologico, che onori i caduti non solo nel rispetto delle loro spoglie ma anche ricostruendone la storia grazie alle testimonianze materiali intrecciate con i documenti. Cosa che solo all’archeologia può riuscire.

La Regia Marina sull’Alto Garda nella Grande Guerra: tracce archeologiche delle postazioni – VIDEO

REFERENCES

Cappellozza, N. (2018). La Guerra sul Garda tra Navene e il Monte Altissimo 1915-1918. Studi e proposte di ricerca sul sistema difensivo italiano nel territorio di Malcesine attraverso la documentazione dell’Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio. Quingentole: SAP Società Archeologica s.r.l.

FORSE PUÒ INTERESSARE ANCHE:

El Alamein, la conflict archaeology per salvare la memoria del campo di battaglia. Che sta per scomparire

 

 

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

News