domenica 4 Dicembre 2022

Il termopolio di Pompei della Regio V: vivide pitture e materiale importante per le analisi

In Evidenza

Con un (comprensibile) tempismo di comunicazione da “diamolo durante le feste che facciamo più click” il MiBact ha mostrato le foto dello splendido thermopolium decorato della Regio V di Pompei. Pitture a fresco dai colori vividi e coinvolgenti, e molti resti di cibo da consumare, che potrà essere studiato: “Oltre a trattarsi di un’ulteriore testimonianza della vita quotidiana a Pompei, le possibilità di analisi di questo Termopolio sono eccezionali, perché per la prima volta si è scavato un intero ambiente con metodologie e tecnologie all’avanguardia che stanno restituendo dati inediti”, dichiara Massimo Osanna, Direttore Generale ad interim del Parco archeologico di Pompei. “All’opera è un team interdisciplinare composto da: antropologo fisico, archeologo, archeobotanico, archeozoologo, geologo, vulcanologo: alle analisi già effettuate in situ a Pompei saranno affiancate ulteriori analisi chimiche in laboratorio per comprendere i contenuti dei dolia “. La Regio V di Pompei è ritenuta tra le 10 principali scoperte archeologiche del decennio dalla rivista dell’Archaeological Institute of America (AIA) Archaeology L’intero comunicato nel link al sito del ministero qui sotto, da cui è tratta questa dichiarazione di Osanna.

Altri articoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

News